Marchirolo, impianto a biomasse con il cippato delle valli

“Non ci interessava tanto risparmiare, quanto mandare un segnale. Dimostrare che fosse possibile passare dal gas al cippato, per fornire acqua calda” – sottolinea l’Amministrazione di Marchirolo, Comune di 3400 abitanti al confine con la Svizzera dove la scuola elementare, il Comune e la palestra sono scaldati grazie a un piccolo impianto a biomasse.

Inoltre una rete di teleriscaldamento fornisce acqua calda a 35 unità abitative, oltre che alla scuola media.

Leggi tutto...

IREN S.p.A: nasce IRETI per la gestione delle reti di distribuzione energia elettrica, gas e servizio idrico integrato

In IRETI confluiscono le attività prima di competenza delle società Iren Emilia, AEM Torino Distribuzione, Genova Reti Gas, Iren Acqua Gas, Acquedotto di Savona,Eniatel e Aga. La società si occupa dei servizi idrici nelle province di Genova, Savona, La Spezia, Parma, Piacenza e Reggio Emilia dove opera negli ambiti dell’approvvigionamento idrico, fognatura e depurazione delle acque reflue.

Con più di 18.000 km di reti acquedottistiche, oltre 9.300 km di reti fognarie e 1.085 impianti di depurazione, la società servirà oltre 2.550.000 abitanti su 219 comuni, caratterizzandosi come il terzo operatore in Italia nel settore dei servizi idrici per numero di metri cubi gestiti.


Attraverso oltre 7.600 km di rete la società distribuirà gas naturale nel Comune di Genova e in altri 19 comuni limitrofi, oltre che in 72 comuni delle province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, per un totale di circa 726.000 clienti serviti. Con circa 7.283 km di reti in media e bassa tensione IRETI distribuirà energia elettrica nelle città di Torino e Parma; con un portfolio di più di 1.5 milioni di clienti, IRETI sarà il quinto operatore in Italia nel settore dell’elettricità per la quantità di energia elettrica venduta.

Nel territorio Emiliano inoltre IRETI gestirà gli impianti di illuminazione pubblica e impianti semaforici, attraverso attività di manutenzione e gestione degli impianti presenti ma anche di progettazione e realizzazione dei nuovi. “Grazie all’integrazione – ha dichiarato il Presidente di Iren Francesco Profumo - la nuova società offrirà ai propri clienti e ai cittadini efficienza, efficacia, economicità ed elevata qualità dei servizi, operando con competenza e professionalità, nel pieno rispetto dell’ambiente e della sicurezza, contribuendo al benessere dei propri collaboratori e delle comunità e garantendo ai propri azionisti un’adeguata redditività d’impresa.

L’azienda continuerà ad investire in modo determinante in innovazione in tutta la catena, dalla progettazione alla gestione delle reti, con l’obiettivo di garantire migliori servizi per i cittadini, riduzione dei costi di manutenzione ordinaria e migliore qualità del lavoro per gli operatori”. “L’avvio di IRETI – ha dichiarato Massimiliano Bianco, amministratore Delegato del Gruppo Iren - rappresenta un passaggio fondamentale nel percorso di integrazione e razionalizzazione del Gruppo e per il conseguimento degli obiettivi previsti nel Piano Industriale, nonché un momento di forte cambiamento per conseguire gli importanti risultati che le Comunità in cui operiamo e il Mercato si attendono”.

Valfrutta produce con l’energia rinnovabile

È sempre più "verde" la produzione Valfrutta, brand storico del Gruppo Conserve Italia - leader europeo nel settore dei succhi e conserve vegetali - perché ottenuta impiegando solo energia rinnovabile al 100%. Tutti i prodotti Valfrutta in commercio provengono da stabilimenti che per queste linee di lavorazione utilizzano solo energia elettrica da fonte eolica, completamente rinnovabile, che non impatta sul territorio e traduce in concreto le politiche di produzione sostenibile e di rispetto dell'ambiente che caratterizzano le strategie del gruppo conserviero.


"Il progetto energia rinnovabile 100% realizzato per Valfrutta - afferma Maurizio Gardini, Presidente di Conserve Italia - è l'ulteriore conferma di un forte e costante impegno di Conserve Italia nella produzione sostenibile e coinvolge un brand da sempre espressione di naturalità, rispetto ambientale, produzione ecocompatibile, valori etici, attenzione al contesto anche sociale nel quale si opera e quindi al consumatore".

Il progetto nasce tre anni fa dalla volontà di Conserve Italia di inserirsi nella produzione di energia eolica attraverso la partecipazione ad una società - che associa alcune grandi aziende agroalimentari italiane - impegnata nella realizzazione di campi eolici in provincia di Foggia, nell'area dei monti della Daunia, a circa 900 metri sul livello del mare, in una zona che consente una produzione complessiva di energia superiore ai 120 milioni di kWh all'anno.

LA NUOVA ENEL, BRAND “OPEN POWER”

La Presidente, Patrizia Grieco, e l’Amministratore Delegato di Enel, Francesco Starace, hanno svelato la nuova identità globale del Gruppo Enel, i loghi di Enel Green Power e di Endesa.

“Con il rinnovo del brand stiamo adattando l’immagine di Enel ai cambiamenti in corso all’interno del Gruppo e alla rapida evoluzione del settore energetico, evoluzione di cui siamo alla guida – afferma l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel, Francesco Starace.

“Il concetto di apertura che sintetizziamo con l’espressione inglese ‘Open Power’ ci posiziona come un Gruppo innovativo e sostenibile che lavora per diffondere ed espandere il contenuto tecnologico delle sue attività, per garantire la sicurezza energetica e migliorare i nostri servizi a livello globale.


‘Open Power’ vuol dire anche valorizzare la nostra infrastruttura condividendo le conoscenze per ampliarne gli usi, così come collaborare con i clienti, i partner e gli altri stakeholder, creando così un ambiente favorevole per tutti, che assicuri e tuteli gli investimenti. ‘Open Power’ richiede molto più che essere semplici generatori e distributori di energia elettrica. Il nostro nuovo brand incarna pienamente la natura innovativa, sostenibile, multidimensionale e aperta del Gruppo Enel”.

La strategia “Open Power” si fonda sull’apertura come chiave di volta dell’approccio strategico e operativo del Gruppo:

1. aprire l’accesso all’energia a più persone;

2. aprire il mondo dell’energia a nuove tecnologie;

3. aprire la gestione dell’energia alle persone;

4. aprire l’energia a nuovi utilizzi;

5. aprirsi a più partnership;

La nuova strategia di brand trasmette l’immagine di Enel come una moderna utility aperta, flessibile, reattiva e in grado di guidare la transizione energetica.

La nuova identità visiva e il nuovo logo sono composti da molti colori per riflettere la varietà dello spettro energetico, la natura poliedrica di un Gruppo presente in oltre 30 Paesi e la crescente diversificazione dei servizi offerti dall’azienda nell’ambito del sistema energetico globale. Nell’ambito del rinnovo del brand è stato svelato anche il nuovo sito internet Enel.com, che pone al centro l’utente e l’utilizzo tramite applicazioni mobili.

Pagina 16 di 16