SAPI ottiene la certificazione Remade in Italy

Remade, ente di certificazione accreditato a norma del Regolamento CE 765/2008, ha conferito a SAPI, gruppo industriale italiano specializzato nella rigenerazione di cartucce toner esauste, ricondizionamento di stampanti e fotocopiatrici e consulenza tecnica, la prestigiosa certificazione Remade in Italy, che attesta la conformità delle cartucce toner rigenerate ai Cam (Criteri Minimi Ambientali) richiesti dalla normativa vigente in tema di Gpp (Green Public Procurement, ossia acquisti pubblici verdi). “Il conseguimento della certificazione Remade in Italy rientrava tra gli obiettivi che ci eravamo prefissati nel 2020. Ora, è nostra intenzione estendere il nuovo sistema di tracciabilità a tutta la filiera produttiva, partendo dai vuoti. Se anche questi ultimi fossero dotati di un sistema RIFD, infatti, si potrebbe risalire con certezza alla loro provenienza e l’utente finale avrebbe la garanzia di aver acquistato un prodotto rigenerato, in linea con gli obiettivi di Remade”, ha dichiarato Franco Ferreri, amministratore delegato di SAPI.

Meno rischi con la mascherina in bambù («aggiunta» alla chirurgica)

Le mascherine compostabili in bambù Myfaceroll della Körber Tissue rappresentano il complemento ideale delle classiche mascherine chirurgiche. L’utilizzo combinato di questi due dispositivi assicura infatti il 99,8% di filtrazione batterica, nonché una superficie sempre pulita all’esterno. Le mascherine chirurgiche sono tra i dispositivi più utilizzati per fronteggiare l’emergenza Covid-19, poiché garantiscono un’alta percentuale di filtrazione batterica. Tuttavia, quando sono indossate a lungo si caricano di virus e batteri, che possono essere facilmente trasferiti altrove se chi le indossa le rimuove o le tocca. Tali mascherine in bambù Myfaceroll, che possono essere indossate sopra o sotto quelle chirurgiche, costituiscono inoltre un’efficace protezione soprattutto in ambienti affollati, come i mezzi di trasporto, i centri commerciali, le scuole eccetera.

Lotta sostenibile agli infestanti

Dal recente webinar “Il controllo delle infestazioni nella filiera agroalimentare. Il monitoraggio, la confuzione sessuale e l’uso degli insetti utili contro gli infestanti delle derrate”, tenutasi sulla piattaforma Formalimenti, è emerso che per un approccio sostenibile alla gestione degli infestanti nella filiera alimentare bisogna impostare un sistema di integrated pest management. Il sistema di controllo delle infestazioni va dunque integrato dall’inizio alla fine. Il monitoraggio dei risultati, con l’analisi dei dati raccolti, è fondamentale in un’ottica di prevenzione e controllo della salubrità delle derrate e di un uso ridotto e limitato dei biocidi.

Quale futuro per il GNL?

Nel corso del recente SFLMI (Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry) Andrea Arzà, presidente di Assogasliquidi-Federchimica, ha sottolineato come il settore del GNL rappresenti un esempio virtuoso di filiera energetica che, a pieno titolo, dovrebbe rientrare nelle linee definite nel PNRR. Tuttavia, l’attuale testo del Piano prevede per il GNL soltanto interventi molto puntuali e mirati (utilizzo e sostegno all’acquisto di autobus e traghetti a GNL), non considerando che senza misure che coprano l’intera filiera e la conseguente logistica risulterà molto complesso raggiungere gli obiettivi di penetrazione del GNL anche nel trasporto pubblico locale.

ULTIME NOTIZIE

Un “quaderno” sull’attraversamento dello Stretto di Messina

Avrà luogo il 7 giugno il webinar di presentazione del nuovo Quaderno Aldai “L’attraversamento stabile dello stretto di Messina. Organizzato dal Comitato ITL (Infrastrutture, Trasporti e Logistica) di Aldai – Federmanager, l’appuntamento avrà inizio alle ore 17 e terminerà alle ore 19,30.

 

* * * * *

 

La distribuzione merci a Milano

Si svolgerà martedì 15 giugno, con inizio alle ore 17, la riunione mensile del Gruppo EnEc, che verterà sul tema “Milano, distribuzione merci a impatto zero – Il Progetto in ambito C40 Cities”. L’organizzazione è a cura del Comitato ITL (Infrastrutture, Trasporti e Logistica) di Aldai – Federmanager.

 

* * * * *

 

Lo sviluppo infrastrutturale al servizio del porto di Ravenna

Per la sua posizione strategica, nonché per essere l’unico in Emilia-Romagna, il porto di Ravenna è leader in Italia per quanto riguarda gli scambi commerciali con il Mediterraneo orientale e il Mar Nero; inoltre, ha un ruolo importante per quelli con il Medio e l’Estremo Oriente. Un webinar organizzato dal CIFI (Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani) di Bologna, in programma il 19 febbraio (inizio ore 15) aggiornerà sui potenziamenti infrastrutturali di cui beneficerà tale porto attualmente in corso. Iscrizioni: https://register.gotowebinar.com/register/1795147758375038992.

 

* * * * *

Copyright © 2018 - Tecnezia srl - Via Macedonio Melloni, 24 - 20129 Milano - P. IVA 12964990159 - Tutti i diritti riservati